Mondiali

Lo scorso luglio hanno asfaltato la strada dove abito. Non ne aveva bisogno, a dire il vero. Altra storia i marciapiedi: sconnessi, pieni di buche e scalini, costellati di chiazze d’asfalto e di cemento. Quelli non li hanno toccati. Strana scelta, ho pensato, ma presto ne ho conosciuto il motivo: davanti a casa mia sarebbero passati i Mondiali di ciclismo.
La settimana scorsa il sindaco ha fatto un’ordinanza. Strade chiuse in determinate ore, divieto di parcheggio, rimozione dei cassonetti, variazioni nell’orario scolastico.
Finalmente è arrivata la settimana delle competizioni. Chissà che mi aspettavo: transenne davanti al mio portone, folla assiepata ai bordi della strada, impossibilità a uscir di casa se non in ore antelucane… Invece, ecco: sono qui, seduta alla mia scrivania, con la finestra aperta. Due vigili stazionano pigramente all’incrocio, cento metri più su. Una decina di tifosi sul marciapiede opposto, altri sette in fondo alla strada, due signore alla finestra. Ogni tanto passa un corridore, preceduto e seguito da una macchina. Qualcuno dei tifosi esulta. Un elicottero rumoreggia sopra le nostre teste.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...