Non potrei mai

La professoressa di informatica è caduta malamente e si è rotta un piede: avremo un supplente, dicono i ragazzi, fino alla fine dell’anno. Chissà chi sarà, ognuno esprime il suo desiderio: quelli di quinta vogliono un docente preparato che li accompagni all’esame, quelli di terza sperano in uno buono, che chiuda un occhio sulle loro insufficienze, quelli di quarta vorrebbero una donna, possibilmente giovane e bona.
Finalmente ieri è arrivato e la sorpresa è stata per me: un ex alunno di tanti anni fa.
«Carissimo, che piacere rivederti! Quanto tempo!»
«Professoressa, il piacere è mio. Mi sento onorato di poter lavorare con lei…»
«Uè, che sono queste formalità, siamo colleghi ormai, e tra colleghi ci si dà tutti del tu!»
«Professoressa, non potrei mai: ho troppo rispetto per lei.»
Mi allontano scuotendo la testa: che giovane garbato, ragazzi così educati non se ne trovano più.
Stamattina lo incontro in corridoio: «Marisa, Marisa, ascolta, ti volevo dire…»

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, scuola e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...