In palmo di mano

Se mentre percorri il corridoio senti urlare parole incomprensibili, puoi star certo che è Michela, la bidella del piano. Michela ha uno stanzino dove tiene le sue cose, il cappotto rosso, la borsa, la macchinetta per il caffè e il carrello con tutto l’occorrente per far le pulizie, e l’ha tappezzato di immaginette della Madonna e della Regina Elisabetta: è stata sua cameriera personale, da giovane, dice, proprio lassù, in Inghilterra. Michela è grossa e tozza, ha i capelli stopposi, gonne stropicciate, sandali che indossa anche d’inverno, senza calze, con le gambe livide dal freddo. Non guardarmi adesso, dice, che da giovane ero bella, avevo i capelli biondi, lunghi fino alla vita, e belle gambe, e un gran seno. E la Regina d’Inghilterra mi portava così, dice, tendendo la mano, col palmo rivolto in su.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, scuola e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a In palmo di mano

  1. RobySan ha detto:

    Prossimamente racconterà di essere stata tra le pie donne e che, bella, buona e giovane che era, la Madonna la portava così: sul palmo della mano!

  2. marisasalabelle ha detto:

    Ormai è andata in pensione…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...