Scherzetto

Verifica di metà quadrimestre: il momento è delicato. Alcuni alunni, quelli che hanno avuto l’insufficienza, devono fare il test per il recupero, gli altri, che non hanno da recuperare, saranno impegnati in attività di approfondimento. Nei giorni scorsi ho dovuto preparare verifiche diversificate in base alle lacune presentate dai suddetti alunni, stamparle e fotocopiarle, predisporre il materiale e le consegne per gli altri, studiare la piantina della classe al fine di assegnare le postazioni. Ho lavorato con impegno per preparare questa verifica e mi aspetto che tutto si svolga nel migliore dei modi. In questo momento ognuno ha il suo compito, tutti stanno lavorando e io sto appollaiata sulla cattedra a sorvegliare il corretto svolgimento delle operazioni. Ho diviso Marco da Franco, ho isolato Giorgio e ho fatto venire Lapo accanto alla cattedra. Intanto tengo d’occhio Stefano e Piero. Tutto sembra filare liscio, ma un movimento sospetto in seconda fila attira la mia attenzione. Quel furbastro di Aldo…
«Aldo, che stai combinando? Togli la mano dalla tasca e fammi vedere: è un bigliettino, quello?»
Aldo mi rivolge lo sguardo colpevole di chi è stato beccato. Allunga una mano, apre il pugno e mi mostra un foglietto piegato in quattro. Lo requisisco e intanto penso, ti ho sgamato anche stavolta, e un po’ mi dispiace, perché mi toccherà annullargli il compito. Apro il bigliettino nel silenzio generale e leggo: SCHERZETTO, c’è scritto, in stampatello maiuscolo.

Annunci

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, scuola e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Scherzetto

  1. Stefania ha detto:

    Aneddoti e storielle deliziosi.

  2. ilrossociliegia ha detto:

    hahahaha!!! Un genio! L’ha fatto per te, ti adora!

  3. marisasalabelle ha detto:

    Era solo una mossa diversiva… nel frattempo, approfittando della mia distrazione, Paolo consultava Google sul suo cellulare, Johnny sfogliava il manuale che teneva sulle ginocchia e Sandro telefonava alla fidanzata per farsi mandare le risposte via mail…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...