Varicella

Sono in macchina, sto andando a trovare la mia amica Caterina, che è in pensione da qualche anno. Sento squillare il cellulare, accosto, frugo in borsa. Sul display appare un numero che non conosco. Rispondo.
«Professoressa! Professoressa, sono io!»
«Io chi?»
«Sono Giovanni!»
«Ah, Giovanni. Dimmi, che succede?»
«No, è che… professoressa, io non posso venire domani a fare il compito! Ho la varicella!»
«Be’, se hai davvero la varicella, mi sa che c’è poco da fare… Hai la febbre alta?»
«Ho trentanove, professoressa! E poi un prurito!»
«Non grattarti, mi raccomando, che ti restano le cicatrici.»
«È che… professoressa… io dovevo venire martedì per l’interrogazione… e non sono venuto… e ora c’è il compito… e mi è venuta la varicella… Non vorrei che poi lei se la prendesse con me!»
«Io non me la prendo mai con nessuno, Giovanni. Mi preoccupo soltanto che le tue assenze non compromettano l’esito dell’anno scolastico… sarebbe un peccato… Allora, stai ben coperto e non grattarti, pensa a guarire e poi ne riparleremo.»
Solo dopo aver chiuso la comunicazione mi rendo conto di aver parlato in perfetto stile mafioso.

Annunci

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in diario, scuola e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...