Cose belle

Su uno dei blog che visito spesso compare un giorno un invito: mandateci materiale, cose belle, vogliamo fare una nuova rivista. Lo leggo e penso, cavolo, Marisa, è la tua occasione, che io, di cose belle che vorrei pubblicare ce n’ho tante, e non c’è che l’imbarazzo della scelta, quindi mi son messa subito a pensare quale cosa bella o bellissima mandare.

Così mi sono messa a spulciare tra le cartelle del mio portatile, io scrivo perlopiù romanzi, nessuno dei quali è stato pubblicato, un po’ perché la maggior parte non ho neanche provato a mandarli in giro, un po’ perché quei pochi tentativi che ho fatto sono miseramente naufragati, ed anche qui non so, se si tratti del fatto che quelle che ho mandato sono cose orribili, o se non abbiano ricevuto l’attenzione sufficiente a far dire a qualcuno, guarda, c’è questo romanzo, che cosa ne vogliamo fare, o se infine non si tratti di pura e semplice sfiga da parte mia, non lo so.

Ora non voglio fare come tutti quelli che dicono, guarda là che roba si pubblica in giro, e io ho scritto un libro tanto bello, e nessuno me lo vuole pubblicare; che poi, a quel punto, la reazione delle persone si divide in due tipi, ci sono i tuoi amici e parenti che ti dicono è vero, il tuo libro era bellissimo, altroché quelli che si vendono in libreria, ci sono poi dall’altra parte quelli che non ti conoscono, che rispondono ai tuoi accorati appelli sui principali blog e non te lo dicono proprio chiaro ma te lo fanno capire, che sei solo invidiosa del fatto che altri abbiano successo e tu no, punto e chiuso.

Insomma, non è mica facile scegliere un brano da un romanzo, perché magari da un brano isolato non si capisce proprio bene come stanno le cose, e poi che brano potrei scegliere, ricco d’azione o pieno di riflessioni profonde, comico o drammatico, e lungo quanto, due pagine, dieci pagine?

Ho passato in rassegna mentalmente le mie opere che reputo migliori, le ho sfogliate virtualmente nel loro formato digitale o materialmente nel loro formato cartaceo: ho pensato a un brano dove si parla dell’undici settembre e di una nonna e un nipote che vanno a comprare una tuta da ginnastica mentre da tutte le televisioni non si vedono altro che le immagini delle torri che crollano, che poi è quello che ho fatto io l’undici settembre, non che io sia una nonna, non ancora, perlomeno: sono uscita con mio figlio per comprargli la tuta da ginnastica perché dopo pochi giorni doveva cominciare la scuola, indipendentemente dai terroristi di Al Qaeda e dai loro spettacolari attentati; ho preso in considerazione un altro pezzo, che sta dentro un romanzo che ho scritto, in cui si parla di un invalido molto collerico che va a denunciare ai carabinieri la scomparsa di sua figlia, e fa un po’ ridere, secondo me, perché sia lui che il carabiniere non fanno che sbagliare i rispettivi cognomi; sono andata a ricercare i miei vecchi racconti, che parlano di gente che abita in montagna in un paesino piccolissimo o in case isolate, vecchi  che il pomeriggio mettono la seggiola al sole  e se ne stanno lì, in due o tre,  senza dirsi una parola, ragazzi che vogliono creare una comune e viverci tutti insieme in odio alla società borghese, una donna che uccide il bambino che ha appena partorito sbattendogli la testa contro un sasso, un prete che si suicida, uno studente che prepara la tesi di laurea, tutte storie che a me, quando le scrivevo, mi sembravano bellissime, ma che ora a rileggerle, non so. 

E quindi, in conclusione, che devo fare? Tutto quello che ho mi sembra o troppo strano, o troppo banale, o troppo brutto, o che lo capisco solo io, com’è. Perciò ho pensato, va a finire che non gli mando nulla.

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in leggere, scrivere e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...