Talent scout

«Noi facciamo un accurato lavoro di scouting» scrisse sul blog di un noto editore il giovane scrittore che lo gestiva.  «La nostra casa editrice si vanta di aver scoperto e lanciato moltissimi nuovi talenti. Autori sconosciuti ci inviano continuamente le loro opere inedite che esaminiamo con estrema attenzione. E come siamo felici, quando ci capita  di scoprire una perla in mezzo a tanta paccottiglia, perché, va detto, molti dei testi che ci arrivano sono di scarso o di nessun valore, robaccia che solo grazie a una ferrea autodisciplina e a un grandissimo amore  per la letteratura riusciamo a sorbirci.»

«Tutto ciò è molto bello e vi fa onore» commentò un oscuro lettore del blog, anche lui, come tanti altri, autore di un capolavoro misconosciuto, spedito in dozzine di copie ad altrettanti editori, «ma come mai, sulla home page del vostro sito, raccomandate agli aspiranti di non inviarvi più manoscritti in visione perché tanto non li leggerete?»

«Hai ragione» gli rispose il talent scout. «Devi sapere che siamo stati costretti a prendere quell’odiosa posizione. Non puoi immaginare quello che ci arriva! Tutti vogliono scrivere un romanzo, tutti credono di esserne capaci e pretendono che la loro opera venga letta e magari pubblicata. Quello che ignori però è che il novanta per cento dei manoscritti che intasano la nostra posta elettronica e che si coprono di polvere nei nostri ripostigli è costituito da deliri di psicopatici, chiacchiere inconsistenti, blablabla senza senso. E la forma, poi! Nessuno sa più scrivere in italiano, questo è il fatto. A noi poveri lettori ci viene il mal di testa, proviamo gli urti del vomito, sentiamo il desiderio di suicidarci mentre siamo costretti a trangugiare tutte quelle schifezze.»      

«Nulla di tutto questo mi sorprende» scrisse l’autore del capolavoro misconosciuto. «Il mio romanzo però non è insensato, io non sono uno psicopatico e conosco le regole grammaticali:  stando a quel che mi dici, dovrebbe rientrare nel dieci per cento delle opere su cui si può discutere…»

«Cosa vuoi» disse ancora il talent scout, «stando così le cose, abbiamo dovuto fare scelte molto drastiche. Leggiamo solo le opere di persone di nostra fiducia, amici d’infanzia o colleghi, nipotini, cuginette, fidanzate: in fin dei conti, quel che importa è pubblicare dei bei libri, e se conosciamo già chi li scrive, andiamo sul sicuro. Se poi facendo in questo modo ci lasceremo scappare il nuovo Proust  o Morselli o Lampedusa, be’, che ci vuoi fare? Errare humanum est!»

Informazioni su marisasalabelle

Sono nata a Cagliari il 22 aprile 1955. Vivo a Pistoia. Insegno. Mi piace leggere e scrivere.
Questa voce è stata pubblicata in leggere, scrivere e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...